domenica 11 agosto 2013

Sogno di una notte di mezza estate

Questi sono i momenti che mi piacerebbe condividere con qualcuno... una giornata al mare, quattro chiacchiere con gli amici, due pettegolezzi, una cenetta simpatica a base di piadine e birra e una sigaretta sul balcone, estasiati da una vista mozzafiato nonostante ti trovi solo in una zona come le altre della tua città... il cagnetto, compagno di una vita a guardarti in attesa solo di una carezza e di una passeggiata... un cielo che cambia colore ogni pochi secondi preparandosi ad una notte di mezza estate. Non servirebbe altro che un bacio ed un abbraccio per rendere questa serata perfetta, poche cose semplici, ma importanti come l'acqua. Qualcuno con cui condividere questi momenti non c'è e quindi te li godi da sola, che va benissimo lo stesso, ma la tua anima non può rifiutarsi di tingersi di una sfumatura di malinconia e la tua mente non può non correre a ricordi lontani... a quando tutto sembrava essere semplice e promettente. Sto iniziando a pensare che l'amore romantico, quello fatto di bellezza e dolcezza, desiderio e passione, non sia un regalo che viene fatto a tutti, che forse non tutti lo meritano. Hanno provato a convincermi del contrario, vorrei credere a chi mi dice che sbaglio, che non bisogna perdere la speranza e che lo merito anche io, ma non riesco a farlo al 100%...d'altra parte perchè dovrebbe essere una cosa così speciale se possono averla tutti?

 "Se noi ombre vi abbiamo offeso, per poterci dare il perdono: fate conto di aver dormito, mentre queste visioni apparivano e che a mostrarvi paesaggi immaginari sia stato un sogno. Signori, non ci rimproverate. Se ci perdonate... rimedieremo! Ascoltate l'onesto Puck: se avremo la grande sorte di sfuggire ai vostri insulti, potremo rimediare, signori. Che Puck non è un mentitore. Quindi: buonanotte a tutti voi! Datemi la mano e siamo amici! e Puck i danni vi rifonderà"

https://www.youtube.com/watch?v=w40e9zFc_wA

venerdì 9 agosto 2013

Bolla

Tutte cazzate,quelle in cui credevo... è evidente... ma ora mettiamo un punto e andiamo avanti. Io sono sempre qui per chiarire ogni cosa, per recuperare le situazioni, per portarne avanti altre, ma non corro più dietro a nessuno. Sono qui, disponibile a tutto, ma dovete essere voi a cercare me, perchè io tutto quello che potevo fare l'ho fatto. Ho fatto anche troppo, è chiaro questo... ho viziato, ma ora quell'epoca è finita: dal momento che questo non è stato apprezzato, si cambia registro. Ne va della mia salute mentale e del mio livello di stress. Però sono irrequieta, scoglionata e stufa.... ho bisogno di novità, di non far sempre le stesse cose, di riuscire finalmente a godermi l'estate... cazzo, ho 30 anni e devo viverli. Ma oggi è come se mi sentissi chiusa in una bolla... no, non di sapone, piuttosto di plexiglas... una bolla dal cui interno vedo gli altri vivere e divertirsi e da cui io non riesco ad uscire perchè non scoppia...

lunedì 8 luglio 2013

tutto va come deve andare

Della serie "tutto va come deve andare"... la lunatica che voleva riflettere ancora un po' ha preso, in tempo 0, la sua decisione e ha chiuso una storia che però le è servita a scoprire che forse non ha più il cuore così tanto congelato come un po' di tempo fa.

Fiera e orgogliosa della sua decisione però, ora se la mena un po', ed è alla ricerca di un passatempo con cui trastullarsi... cioè, in realtà non è proprio alla ricerca di un passatempo, avrebbe voglia di incontrare qualcuno che le dia la sensazione di poter costruire qualcosa con lei... anche se sa di esser diventata una super esigente e che l'uomo che cerca, probabilmente, dovrà costruirselo da sola come l'inventore di Frankenstein... ma fino a quel momento cerca qualcuno con cui divertirsi. Viva la sincerità!

Ma a parte questo... andiamo a spiegare i motivi che mi hanno portato a concludere la storia con Jhonny:


  • Parlare di sogni e desideri da realizzare è tanto affascinante ma poi la realtá è un'altra e bisogna affrontarla tirandosi su le maniche e facendosi un culo quadro. A 31 anni per quanto mi riguarda è inaccettabile essere senza un lavoro perchè cercarlo non è la tua prioritá... non lo trovassi, capirei, ma non sbattersi no. Non lo capisco. 
  • Troppo "free" ... ha una natura troppo diversa dalla mia. E io non ho intenzione di sbattermi per inculcargli alcune cose in testa. Direi che i 4 anni scorsi ho già combattuto troppo. Ora, almeno all'inizio le cose dovrebbero andare liscia senza tutte ste seghe mentali che mi stavo già facendo.
  • Non si poteva fare praticamente mai niente perchè soldi in tasca zero, però poi per farti le canne e andare al cinema CON GLI AMICI sti soldi spuntavano.
  • Non ho idea di che faccia abbiano i sui amici... però io di uscire con i miei gliel'ho proposto più volte...
  • Io lavoro tutta la settimana, ma non è automatico stare insieme nel weekend: non che debba essere scontato, ma un po' più naturale si... e invece no! Io sono a casa e tu vai a farti i cazzi tuoi con dei non meglio identificati e vaghi amici.
  • Premessa: anche lui abita con i suoi. Contiunava a farmi entrare in casa  sua e anche se c'erano i suoi mi scaraventa in camera senza nemmeno presentarmi. Puttana si, ma fino a un certo punto
  •  Una sera si lamentava del fatto che non trombavamo da una settimana (sai com'è... se ti comporti come al punto di cui sopra, io poi evito di venir su) e allora "amore non prenderla male ma me le farei tutte quelle che ci sono qui".
  • Per lui è normale addormentarsi a casa delle sue ex o pensare di andare a dormire in spiaggia se sua nonna viene ospitata a casa sua... per me ti spacco la faccia.
Quindi, caro il mio Jhonny, se tu sei abituato a vivere in questo modo, con me non puoi stare... e non ho nemmeno voglia di spiegarti il perchè... se vuoi, scopri il blog e vieni a leggerlo.



lunedì 1 luglio 2013

....perchè...

Perchè poi, ovviamente, uno scrive una cosa e dopo due secondi la pensa diversamente....
Perchè una mattina ti svegli e all'improvviso realizzi che sarà anche vero che gli opposti si attraggono, ma che quando è la natura di due persone ad essere completamente diversa, forse, non va bene...
Perchè sai che chiedere determinate cose può significare cambiarla quella natura e, sinceramente, non è esattamente il tuo scopo... non lo vuoi fare e non lo trovi giusto.
Perchè dopo qualche anno passato a deprimersi e a lottare, ora vorresti solo che certe cose fossero spontanee e naturali e capisci che se non lo sono c'è qualcosa che non va...
Perchè non hai più voglia di combattere crociate... hai voglia di trovare l'incastro giusto e non di sforzarti per far stare quel pezzo con quell'altro.
Perchè forse avete due visioni diverse della parola "uomo" e anche se pensi che i sogni siano la cosa più bella del mondo e che vadano seguiti, sai che però bisogna vivere su questo mondo.
Perchè sai di essere una lunatica, quindi aspetti e rifletti ancora un po'...



venerdì 28 giugno 2013

PROLOGO

E poi un giorno ti ritrovi che cambia tutto...
all'improvviso scopri davvero che là fuori c'è qualcuno che ti risveglia la voglia di vivere e scoprire... di farti vivere e farti scoprire....
Sensazioni vecchie,conosciute ma dimenticate e sepolte da anni... anni che hai passato a rincorrere qualcosa che forse era qualcos'altro. Ma sei riuscita a tenere anche quel qualcos'altro, nella forma esatta che ha in realtà... dopo tanti sacrifici, pianti, disperazioni, ubriacature, liti, discussioni, passioni, tradimenti, confessioni.... tutto amplificato ed esagerato... ad un certo punto molli gli ormeggi solo per un attimo e vedi la realtà. Vedi il sentimento vero, che c'è e nessuno te lo può togliere... e scopri il modo di viverlo.

Bravi ragazzi, c'avete messo del tempo, avete combattuto una guerra che pochi avrebbe consigliato di combattere e l'avete vinta. E ora, andate avanti, ognuno per la propria strada, seguendo la propria storia, ma comunque vicini e finalmente sereni.
Ora c'è un nuovo Tu, in questa vita così complessa e ricca di emozioni... un Tu che cresce piano piano...giorno dopo giorno..mano nella mano. Un Tu che vuole vedermi serena e vuole conoscermi, vivermi e farsi vivere.... è un nuovo capitolo. Questa volta è davvero un nuovo capitolo.... si riparte da qui.


sabato 20 aprile 2013

UoMiNi

Io ho dei problemi a capirvi, voi uomini. Lo giuro. Non è una frase detta tanto per dire (o scritta tanto per scriverla, per essere più precisi) è proprio così...dite che le donne sono complicate, che se dicono si vuol dire no, che se dicono di voler essere lasciate in pace in realtà vogliono essere piantate al muro con la vostra lingua in bocca pronte per raggiungere l'orgasmo migliore della loro vita, che se chiedete loro cosa c'è che non va e rispondono "niente" in realtà gradirebbero un terzo grado...
Ammettendo anche il caso che ciò fosse vero... di che vi lamentate? Una volta capito come funziona, dovrebbe essere facile, per voi, comportarvi di conseguenza... invece no. Evidentemente c' è un limite... un bug nel sistema... Matrix che colpisce ancora.
Ma torniamo a noi.... voi invece pensate di essere così facili da interpretare? No perchè io non capisco... non capisco come sia possibile che spuntiate tutti insieme come dei funghi..come se prima foste stati tenuti in isolamento a pane duro e acqua sporca con un solo catino per le feci nella cella e poi di colpo avessero aperto i cancelli e vi avessero fatti uscire in blocco. Così adesso il ragazzino dei succhiotti sul collo ( di cui tralascerei i dettagli) torna all'attacco con  telefonate che non ricevono  risposta e scuse irritant;, il super ex di una vecchissima storia a distanza viene a parlarti di come, fino  a poco tempo fa, pensava che la sua vita con la moglie fatta solo di cacca pupù fosse tutta rosa e fiori e ad un certo punto invece, di colpo, all'improvviso e senza preavviso BAM! un disastro immane... e allora, dai,dice... ricordiamo i bei tempi andati...mi fa cosi bene parlare con te, mi sento proprio meglio...ma tu sei bella sempre, quand'è che ci vediamo un po', mandami una foto. MACCCCCHECCCCOSA STAI DICENDOOOOOOOOOOOOOOOOOOO???

E poi c'è una new entry, di cui ancora non vi parlerò a fondo perchè ho bisogno di capre cosa succederà.... ma vi posso dire che, al momento, mi fa stare bene....

sabato 6 aprile 2013

primi pensieri del sabato mattina

Sabato mattina, ore 11:16.... gli dei dell'Olimpo benedicano l'inventore del notebook perchè mi permette di cazzeggiare mentre sono ancora sotto le coperte, con il cane ai piedi del letto.

Volevo parlarvi della mia vita sessuale... ma non ce l'ho. Nonostante i miei buoni propositi di inizio anno, le cose non stanno andando come avevo ipotizzato. Obiettivo a breve termine: fallito. 

Che palle.

domenica 24 marzo 2013

Segui l'istinto e scegli un percorso

E poi arrivi ad un punto in cui ti chiedi se ne valga davvero la pena. Continuare per passione? Sì, ma ti sta davvero portando da qualche parte o è un lungo viaggio senza obiettivo? Non parlo di traguardo, perchè il traguardo non si raggiunge mai... ma gli obiettivi, quelli da raggiungere uno dopo l'altro? Quelli a breve, medio e lungo termine... Forse è come la dieta. All'inizio perdi un sacco di chili velocemente, poi con il passare del tempo ci metti sempre di più, ma il risultato finale sarà sensato e duraturo.

Forse sono seghe mentali, forse uno se ne deve fregare di quello che succede intorno e proseguire per la propria strada se ci crede davvero, perchè la vita è una sola e tutta sua, perchè gli ostacoli che trova sul proprio percorso saranno anche delle rotture di palle ma sono propedeutiche a rafforzarsi, ad imparare e a crescere.

Forse è solo normale avere qualche momento di sconfort. Però sedersi al pc, lasciare che le dita, battendo sui tasti esprimano più velocemente della ragione i pensieri, aiuta a fare un po' di chiarezza, a tirare fuori un po' di quell'amarezza che ti sta sporcando l'anima. E concludi pensando che si. Vale la pena andare avanti come hai sempre fatto e che quando sarà arrivato il momento di prendere uno di quei sentieri che vedi di tanto  in tanto, lo saprai con assoluta certezza. Magari con dispiacere, perchè non hai idea di quali paesaggi quella nuova strada ti porterà ad ammirare, ma con convinzione e volontà.

E allora, Zingara, il mio consiglio per te è questo: fermati, chiudi gli occhi e inspira profondamente. Tendi l'orecchio, rilassa i muscoli, ascolta ogni piccolo rumore vicino o lontano che sia. Inspira ancora una volta, e quando sarai pronta, ma solo allora, riapri gli occhi e smetti di pensare. Segui l'istinto e scegli un percorso.