sabato 20 aprile 2013

UoMiNi

Io ho dei problemi a capirvi, voi uomini. Lo giuro. Non è una frase detta tanto per dire (o scritta tanto per scriverla, per essere più precisi) è proprio così...dite che le donne sono complicate, che se dicono si vuol dire no, che se dicono di voler essere lasciate in pace in realtà vogliono essere piantate al muro con la vostra lingua in bocca pronte per raggiungere l'orgasmo migliore della loro vita, che se chiedete loro cosa c'è che non va e rispondono "niente" in realtà gradirebbero un terzo grado...
Ammettendo anche il caso che ciò fosse vero... di che vi lamentate? Una volta capito come funziona, dovrebbe essere facile, per voi, comportarvi di conseguenza... invece no. Evidentemente c' è un limite... un bug nel sistema... Matrix che colpisce ancora.
Ma torniamo a noi.... voi invece pensate di essere così facili da interpretare? No perchè io non capisco... non capisco come sia possibile che spuntiate tutti insieme come dei funghi..come se prima foste stati tenuti in isolamento a pane duro e acqua sporca con un solo catino per le feci nella cella e poi di colpo avessero aperto i cancelli e vi avessero fatti uscire in blocco. Così adesso il ragazzino dei succhiotti sul collo ( di cui tralascerei i dettagli) torna all'attacco con  telefonate che non ricevono  risposta e scuse irritant;, il super ex di una vecchissima storia a distanza viene a parlarti di come, fino  a poco tempo fa, pensava che la sua vita con la moglie fatta solo di cacca pupù fosse tutta rosa e fiori e ad un certo punto invece, di colpo, all'improvviso e senza preavviso BAM! un disastro immane... e allora, dai,dice... ricordiamo i bei tempi andati...mi fa cosi bene parlare con te, mi sento proprio meglio...ma tu sei bella sempre, quand'è che ci vediamo un po', mandami una foto. MACCCCCHECCCCOSA STAI DICENDOOOOOOOOOOOOOOOOOOO???

E poi c'è una new entry, di cui ancora non vi parlerò a fondo perchè ho bisogno di capre cosa succederà.... ma vi posso dire che, al momento, mi fa stare bene....

sabato 6 aprile 2013

primi pensieri del sabato mattina

Sabato mattina, ore 11:16.... gli dei dell'Olimpo benedicano l'inventore del notebook perchè mi permette di cazzeggiare mentre sono ancora sotto le coperte, con il cane ai piedi del letto.

Volevo parlarvi della mia vita sessuale... ma non ce l'ho. Nonostante i miei buoni propositi di inizio anno, le cose non stanno andando come avevo ipotizzato. Obiettivo a breve termine: fallito. 

Che palle.